Home > Riflessioni > La bellezza di chi è rotto

La bellezza di chi è rotto

KintsugiHo appena letto che Kintsugi è una tecnica che si usa in Giappone per riparare gli oggetti usando oro o argento liquido. Il risultato sono oggetti preziosi, unici proprio laddove sono stati riattaccati.
Tutto ciò che ha subito una ferita ha una storia (unica, irripetibile) ed è più bello proprio lì: dove s’è creata la frattura e dove i frammenti si riuniscono e l’oro liquido trova occasione di penetrare.
Perché ci si vergogni delle ferite, del dolore, della perdita, di ammettere di essere rotti e mostrarsi invece interi, sicuri quando è proprio quest’interruzione che fa di noi ciò che ci rende unici, con la memoria difficile, veri? 
Bisognerebbe imparare dagli artigiani, dalla grande semplicità delle cose e arrendersi all’evidenza del crollo, dell’imperfezione.
Non voglio amare il dolore però voglio mostrare, ostentare i miei tagli, la mia paura, le mie esitazioni senza vergogna, senza dover spiegare che è proprio ciò che sono: una creatura che s’attacca i pezzi con l’oro, che non funziona più alla perfezione e per questo brillo: proprio dove la pelle interrompe la retta. Io comincio proprio dove mi interrompo, quando indietreggio

Annunci
  1. giugno 19, 2015 alle 8:07 am

    Right now it looks like WordPress is the top blogging platform out there right now.
    (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: